Carte di credito e identità clonata per lo shopping: arrestati 3 rumeni a Pomezia

12/10/2017   17:15

I Carabinieri della Stazione Roma Tor dé Cenci hanno arrestato due uomini di 71 e 36 anni e una donna di 27 anni, tutti originari della Romania, con l’accusa di frode informatica, possesso di carte di credito clonate ed uso di documenti falsi. I tre sospetti si trovavano nei pressi del parcheggio dell’outlet “McArthur Glen” di Castel Romano quando i Carabinieri li hanno sorpresi in possesso di ben 23 carte di credito, di 6.500 euro in contanti e diversi capi di abbigliamento appena acquistati nei negozi dell'outlet e pagati (come si vede dalle riprese del circuito di videosorveglianza della struttura commerciale) con le carte di credito trovate in loro possesso e risultate successivamente clonate.
Inoltre, il 71enne, unico ad essere già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato sorpreso in possesso di un documento di identità, rilasciato dalle Autorità della Lettonia, palesemente contraffatto e su cui erano state inserite le generalità dell’intestatario di alcune delle carte di credito clonate trovate nelle loro tasche.
I tre sono stati arrestati e sono stati portati in carcere in attesa della convalida dell’arresto.
Proseguono le verifiche dei Carabinieri finalizzate ad accertare la loro eventuale responsabilità in analoghi reati.