Come prevenire l’osteopatia: convegno medico aperto alla gente comune a Grottaferrata

02/11/2017   11:21

(Comunicato stampa)È la Prevenzione Sanitaria in Osteopatia il prossimo appuntamento con l’Associazione dei Nuovi Castelli Romani, presidente onorario Ettore Pompili. Il sistema di intervento e cura basato sul contatto manuale, sarà l’oggetto di un convegno che l’11 novembre prossimo verrà ospitato nella Biblioteca Comunale di viale Giovanni Dusmet 20, a Grottaferrata (inizio ore 9.30).
Promosso dalla NCR con il patrocinio dei comuni di Grottaferrata, Lanuvio, Nemi, Castel Gandolfo e Rocca di Papa e del Parco dei Castelli Romani, l’incontro vedrà la presenza di molti specialisti del settore. Tra questi il dott. Maurizio Iacoangeli, neurochirurgo, dirigente medico presso gli Ospedali Riuniti di Ancona e docente di Neurochirurgia Università Politecnica della Marche di Ancona.
Con lui il dott. Domenico Lecce, medico chirurgo, specialista in Ortopedia e Traumatologia, il dott. Mario Santoro, odontoiatra e posturologo, il dott. Pierfrancesco Cini, fisioterapista, osteopata, docente Osteopatia EOP scuola Alain Bernard e la dott.ssa Tiziana Bavaro, esperta in Scienze Motorie. Moderatore dei lavori il dott. Antonio Sollecito, specialista in Medicina Generale
A dare il loro saluto i sindaci di: Grottaferrata, Luciano Andreotti – Lanuvio, Luigi Galieti – Nemi, Alberto Bertucci - Castel Gandolfo, Milvia Monachesi - Rocca di Papa, Emanuele Cestini.


Con loro il presidente del Parco dei Castelli Romani, Sandro Caracci. «La finalità del convegno – spiega il presidente onorario NCR, Ettore Pompili - è quella di dare informazioni in merito al trattamento delle patologie muscolo-scheletriche e, nel dettaglio, si andrà ad analizzare come interviene l’osteopata nei problemi di ernia del disco e di ginocchio». Fondata in America nel 1874 da Andrew Taylor Still, nasce dal concetto che molte malattie possano essere curate intervenendo manualmente nella correzione di malposizioni anatomiche che interferiscono con la circolazione del sangue e il sistema nervoso. Lo stesso nome della disciplina, reca in sé i principi fondamentali che vedono l’osso (osteon) quale punto di partenza delle patologie e della sofferenza (pathos). «L’obiettivo di questo convegno – aggiunge il dott. Piefrancesco Cini - è mandare un messaggio importante ovvero che l’osteopatia non è una medicina alternativa, ma una scienza a tutti gli effetti. Trascurare questo e rimanere ancorati alle tradizioni significherebbe non progredire per la medicina. Per questo porterò la mia esperienza di fisioterapista che si è evoluto in osteopatia».
«Insieme – conclude Pompili – capiremo la relazione che lega un dolore, come un mal di schiena, con un vizio posturale e anche come, usando tecniche di manipolazione articolari, muscolari e viscerali, l’osteopata puó contribuire alla risoluzione del sintomo».
Con ingresso libero, il convegno vede la sua segreteria organizzativa in via Santovetti, 86 a Grottaferrata, sede dell’Associazione dei Nuovi Castelli Romani. Info allo 069459658 – www.nuovicastelliromani.com
 

.