Addio Fabrizio Frizzi: "gentilezza e correttezza dietro una risata contagiosa"

26/03/2018   10:20

Si è spento oggi a 60 anni a causa di una emorragia cerebrale il conduttore Fabrizio Frizzi, che ha conquistato il pubblico, sin dal suo esordio nei primi anni’80, con i suoi modi gentili e garbati e con la sua grande professionalità.
Scrive Teresa, un’utente su Twitter : Ciao Fabrizio con lui se ne è andato forse l’unico uomo di spettacolo che era così come si vedeva in tv gentile garbato sensibile non fingeva in tv e noi telespettatori questo lo percepivamo per questo era tanto amato e benvoluto. Addio Fabrizio. Rip.”
L’essenza di Fabrizio Frizzi è ben riassunta dalle parole che gli dedica il cantante Enrico Ruggeri su Twitter questa mattina.
“Non l’ho mai sentito parlare male di nessuno. E non ho mai sentito nessuno parlar male di lui. Gentilezza e correttezza dietro a una risata contagiosa. Un signore in un mondo troppo competitivo. Impossibile non volergli bene. Che dolore.”
Fabrizio Frizzi è stato un artista eclettico e nella sua lunga carriera, trascorsa quasi interamente in Rai, ha condotto ben 73 programmi.
Il suo esordio fu nei primi anni’80 con una serie di trasmissioni per ragazzi: Il barattolo (1980) Tandem e infine Pane e Marmellata, quest’ultima condotta accanto a Rita Dalla Chiesa, che sarebbe diventata la sua prima moglie.
Nel 1988 approda in prima serata e conduce Europa Europa di Michele Guardì accanto a Elisabetta Gardini e Donna sotto le stelle.
Sarà proprio Fabrizio Frizzi a presentare le prime tre stagioni de I Fatti Vostri, un programma sempre di Michele Guardì.
Gli anni ‘90 furono parecchio proficui per il presentatore romano: nel 1991 infatti iniziò la conduzione di Scommettiamo che … ? con Milly Carlucci, l’importante varietà del sabato sera, e in seguito condusse Luna Park (1994) a rotazione con altri artisti.
Dal 1997 presentò il programma in prima serata Per tutta la vita…?
Verso la fine degli anni ‘90 Frizzi si mise alla prova anche come attore nella fiction Non lasciamoci più (1999 -2001), accanto a Debora Caprioglio. Nella serie interpretata l’avvocato matrimonialista Paolo Bonelli, che invece di far separare i suoi clienti, mediava per favorire una riconciliazione.
Dal 2005 Frizzi condusse numerose edizioni di Cominciamo bene , poi nel 2007 fu il momento de I soliti ignoti – Identità nascoste, fino ad approdare nel 2014 alla conduzione de L’Eredità, sostituendo l’amico e collega Carlo Conti. Fu proprio durante la registrazione di una delle puntate del famoso show, che lo scorso 23 ottobre, Frizzi fu colpito da un malore. Il conduttore però era tornato a dicembre al timone de L’Eredità dove è rimasto fino alla sua morte.
Nella sua lunga carriera ha partecipato anche ad alcune trasmissioni televisive come concorrente: nel 2005 infatti si è messo alla prova a Ballando con le stelle in coppia con la ballerina Samanta Togni, infine nel 2014 è diventato uno dei concorrenti del Tale e Quale Show, conquistando il pubblico con le sue esibizioni (la sua imitazione di Piero Pelù resterà indelebile nella nostra memoria). Ha condotto negli anni molte edizioni di Miss Italia e de La partita del cuore, e vari Festival di Castrocaro. Fabrizio Frizzi è stato anche un doppiatore: ha prestato la sua voce a Woody in Toy Story. Abbiamo potuto inoltre ammirare il noto presentatore in alcuni spot pubblicitari degli anni ‘90 per la Beghelli, per la Maina e per la Nissan.
Oggi su Rai Uno l’intera puntata de La vita in diretta viene dedicata al ricordo del conduttore romano e è possibile su Rai Play rivedere tutta la prima stagione di Scommettiamo che …? a questo link (http://www.raiplay.it/programmi/scommettiamoche/).
Fabrizio Frizzi lascia la moglie Carlotta Mantovan e la figlioletta Stella e un vuoto nel cuore del pubblico, che durante questi lunghi anni lo ha amato e ammirato fino alla fine.
 


Silvia Bucchi