Il rilancio del Frascati passa dall’Enoteca regionale

30/05/2018   19:54

Il rilancio del vino Frascati passa per l'Enoteca regionale Vyta di via Frattina a Roma, dove imprese e istituzioni ieri pomeriggio hanno dato prova di far squadra, promuovendo il territorio dei Castelli Romani e il Vino Frascati nel corso di una serata di presentazione voluta dall’Amministrazione Mastrosanti e realizzata in collaborazione con la Regione Lazio, Arsial, il Consorzio di Tutela del Frascati Doc e la Strada dei Vini dei Castelli Romani. Una presentazione in grande stile con le migliori etichette Doc e Docg e alcuni vini riserva, che ha messo in evidenza la duttilità del Frascati capace di spaziare da vini da antipasto e aperitivo, freschi e con una buona spalla acida, a prodotti più complessi e strutturati. Conservando però sempre il gusto salino, vulcanico, dalla spiccata mineralità che lo rende apprezzabile e abbinabile ai piatti della tradizione laziale, dalle polpette di bollito agli gnocchi di patate alla vignarola. Molti altri ancora.

«Stiamo ipotizzando un progetto in collaborazione con Arsial e con la Regione Lazio per creare una casa del vino nello spazio centrale del Mercato Coperto a Frascati, che dia voce all'economia dei territori dei Castelli e porti gli enoappassionati a conoscere l'arte, la storia, i monumenti e i sapori tipici della nostra cittadina e dei comuni limitrofi - ha dichiarato il Sindaco Roberto Mastrosanti -. Il rapporto con Roma e con la ristorazione della Capitale va recuperato in un'ottica di tradizione. Benvenga quindi l'iniziativa promossa oggi da Regione Lazio e Arsial, insieme al Comune di Frascati e al Consorzio Tutela Denominazioni Vini Frascati, che ha anche mostrato il felice abbinamento dei nostri vini con i grandi piatti della cucina romana e di territorio. Occorre anche far crescere l'enoturismo ai Castelli, perchè il vino Doc, Docg e Riserva non nasce e finisce a Frascati, ma è patrimonio di tutti quei territori che sanno offrire verde, qualità dell'aria e dei paesaggi, gusto e arte».

Concorda su questa idea di rilancio l'Assessore regionale all'Agricoltura Enrica Onorati, per la prima volta presente a un evento dell'enoteca regionale Vyta. «L'assessorato vuole veicolare - ha detto - il meglio dei territori rurali, dall'arte e artigianato alle eccellenze enogastronomiche. E un vino simbolo come il Frascati sa raccontare in un calice tante qualità, e oggi dimostra di far dialogare le imprese private col pubblico. Deve crescere il vino del Lazio e deve crescere il modello dell'enoteca regionale. Stiamo rivedendo il marchio che si potrà esportare nei territori, a cominciare da Frascati».

«È un rinascimento del vino di Frascati, un prodotto che merita un grandissimo rilancio, come si è visto al Vinitaly. Siamo felici che questa rinascita passi da Roma e dall'enoteca regionale - ha aggiunto l'Amministratore unico di Arsial Antonio Rosati - che ha ricordato anche come per anni il vino di Frascati non abbia goduto di una buona nomea, ma grazie al lavoro e all'impegno dei produttori oggi possiamo parlare di un vino di grandissima qualità».

Intanto wine lover, produttori, Consorzio e istituzioni hanno brindato e celebrato il primo passo: l'imbottigliato del Frascati Superiore Docg con l'annata 2016 ha superato il milione di bottiglie.