Telecircus adotta una scuola in Sierra Leone

14/06/2018   16:43

Il prossimo 30 giugno la compagnia teatrale di Telecircus sale sul palcoscenico dell’auditorium Monsignor Grassi di Marino per dare una scuola ai bambini dello stato africano. L’incasso dello spettacolo infatti sarà interamente devoluto al progetto “adotta una scuola” ideato dalla onlus “Ponte di Umanità”, della diocesi di Albano. Grazie a missionari, sacerdoti, religiosi, laici, volontari, e al contributo economico delle persone, da anni la diocesi è impegnata in Sierra Leone in progetti di promozione umana, tra cui, appunto, quello di garantire un’istruzione e un futuro ai bambini della Sierra Leone.
Telecircus è uno spettacolo divertente e con un cuore grande.
Il sipario dell’auditorium si aprirà alle ore 21.00. Diretti da Simone Barraco, Paola Azzarà, Piera Bonanno, Elisa Campogna, Elisa Cenciarelli, Mario Chiofi e Catia Fresilli, coi costumi di Rossella Toni e poi Gabriele Cicottoso, Beatrice Progni, Pasquale Miragalia all’aiuto regia, accompagneranno gli spettatori in un viaggio ironico e divertente dei nevrotici dello zapping, dove la TV diventa tutto e i rapporti umani e la famiglia diventano fuori moda. Un’occasione per riflettere sulla dittatura mediatica e la schiavitù del telecomando che rende lo spettatore libero di sentirsi un imbecille.


Un modo per riflettere sorridendo sulla frenetica corsa all’omologazione che il mito della televisione oggi produce, soprattutto nei più giovani, ma non solo…
Telecircus va in scena il 30 giugno, alle ore 21.00.
L’auditorium Mons. Grassi è in via Garibaldi 54, Marino.
Ingresso con un contributo minimo di 10 euro.
Prenotazione obbligatoria contattando: pontediumanità@gmail.com oppure il 340 684 7541
 

.