Il 9 marzo si inaugura a Nemi la mostra di Massimo Manzo dal titolo “Donne magiche”

https://www.lacicala.org/immagini_news/21-05-2019/marzo-inaugura-nemi-mostra-massimo-manzo-titolo-donne-magiche-600.jpg
06/03/2019   13:15

Verrà inaugurata alle ore 16,30 presso la Sala delle Armi di Palazzo Ruspoli. L’artista, noto come lo “scultore degli angeli” , in relazione a varie opere da lui realizzate che raffigurano i messaggeri celesti, lavora insieme a sua figlia Micol, scrittrice e maestra d’arte. La passione di Massimo Manzo risale all’infanzia e, attraverso un percorso in parte da autodidatta, ha affinato le tecniche che gli hanno permesso di diventare uno scultore di fama nazionale e internazionale. Le sue opere si trovano infatti esposte in tutto il mondo: da Milano, a Reggio Calabria, al Palazzo della Provincia di Campobasso, fino in Spagna, Austria, Danimarca, Belgio ed Olanda. Il 9 marzo inizierà inoltre il ciclo di seminari dal titolo “La tradizione è donna: racconti al femminile tra passato e presente” a cura del Comune di Nemi, in collaborazione con la Pro Loco e l’Unitre di Nemi.

Si tratta di incontri che avranno una cadenza regolare, ogni sabato del mese di marzo e che riprendendo il tema della festa della donna, parleranno dei vari personaggi femminili che lungo la storia hanno caratterizzato il modo in cui veniva percepito il gentil sesso. La prima conferenza si svolgerà presso la Locanda Specchio di Diana alle ore 17,00 e sarà tenuta da Simona Carosi, Funzionario SABAP ed etruscologa, che parlerà della donna in Etruria, e della differenza tra la sua rappresentazione iconografica ufficiale e la più intima percezione che ella aveva di sé stessa.

Le altre tre, che si svolgeranno il 16, il 23 ed il 30 marzo sempre alle 17,00 presso la Biblioteca Diffusa della Locanda “Lo Specchio di Diana” , avranno come protagoniste: la donna romana, quella greca ed altre ancora vissute tra il Medioevo e l’epoca moderna. Il sindaco di Nemi Alberto Bertucci dichiara: l'amministrazione è sempre molto attenta alle tematiche culturali e vicine alle donne. Sono certo che anche questa iniziativa riscuoterà grande successo.