Al Teatro della Proloco di Marino, Alessandro Galli replica:" Non ci volevo venire"

https://www.lacicala.org/immagini_news/21-05-2019/teatro-proloco-marino-alessandro-galli-replica-volevo-venire-600.jpg
08/04/2019   12:14

Dopo l'applauditissimo evento si replica al Teatro delle Ore della Proloco di Marino il prossimo 13 aprile alle ore 18:00 con aperitivo
Non ci volevo venire è l’ultima fatica di Alessandro Galli, attore romano di lunga carriera. Nel piccolo Teatro Delle Ore di Marino, il monologo è stato adattato e allestito con cura e attenzione e ha permesso al pubblico di godere di un ottimo esempio di avanspettacolo di qualità.

 

Unico protagonista sulla scena, Galli è stato in grado di fare di se stesso (e della condizione dell’attore isolato) la più grande risorsa teatrale a sua disposizione: una sedia e un cappello sono gli unici strumenti che l’attore utilizza per narrare la propria storia e la storia dei personaggi che crea di fronte alla platea. Galli ragiona in scena sulla condizione dell’attore, del teatro e del ruolo dell’esperienza teatrale nella quotidianità dell’italiano medio e lo fa in maniera chiara e a tratti in maniera brutale. In queste condizioni, gli spettatori non possono che pensare due cose: “cosa sta succedendo?” e “dove stiamo andando?”.

La verità è che Non ci volevo venire non vuole andare da nessuna parte, se non a teatro. La messa in scena è un arzigogolato ragionamento, un intrecci che, da solo, rivela i giochi e i meccanismi di un ragionamento, una domanda, che anche il più viscerale dei teatranti si è posto almeno una volta nella vita: “stasera è necessario andare a teatro?”. La risposta è chiaramente affermativa: è necessario andare a teatro. 

 

Fonte: letterefilosofia.com