ALLA SCOPERTA DELLA CANTINA COLLINE DEL CESANESE: LA TRADIZIONE INCONTRA LA RINNOVAZIONE

https://www.lacicala.org/immagini_news/21-05-2019/alla-scoperta-della-cantina-colline-del-cesanese-la-tradizione-incontra-la-rinnovazione-600.jpg
09/05/2019   18:06

La Cantina “Colline Del Cesanese” ha una tradizione storica sul territorio di Olevano Romano in quanto è presente da circa Cinquant’anni.
Il proprietario è il sig. Franco Caporilli che il 28 aprile 2019 ha compiuto 80 anni ed ha sempre svolto il mestiere di imprenditore agricolo unitamente alla propria moglie, che ha sempre aiutato il marito nella gestione del terreno agricolo.
La famiglia Caporilli ha una lunghissima tradizione nel settore vitivinicolo in quanto anche il padre di Franco Caporilli era agricoltore.
Il territorio della cantina “Colline del Cesanese” si estende per circa 5 ettari ad Olevano Romano, nella località conosciuta con il nome di “Brecciara”.
Il posto è lontano da insediamenti urbani e lo possiamo definire uno dei pochi esempi di “locus amoenus”, ossia un’oasi tranquilla dove regna pace e tranquillità.
Il terreno prevalentemente presenta argilla limosa e sabbia, di medio impasto, con buona dotazione di macro e micro elementi naturali.
L’azienda produce prevalentemente vino rosso cesanese d.o.c. lavorato in purezza.
L’azienda ha deciso di produrre 4 bottiglie di vino rosso cesanese, che si chiamano rispettivamente: colline del cesanese, hilaris, antiquo ed opus vinea.

Colline del cesanese è un vino i.g.t. molto adatto ai pasti quotidiani avente una gradazione di circa 12 gradi: molto gradevole può essere, altresì, utilizzato per degli aperitivi.
Hilaris è il vino base doc dell’azienda ed ha la seguente lavorazione: una volta vendemmiato rimane in botti d’acciaio per circa 12 mesi, mentre gli ultimi 2 mesi li passa all’interno della barrique dell’azienda.
L’Hilaris ha una gradazione di 13 gradi e lo si può accompagnare soprattutto con secondi di carne, ma anche con secondi di pesce “robusti”.
L’Antiquo e l’Opus Vinea sono i due vini barricati dell’azienda “Colline del Cesanese” e vengono coltivati nella zona più antica del vigneto, che ha dai 35 ai 45 anni.
La resa di questa porzione di terreno è molto più bassa rispetto alla restante, ma il vino assume delle caratteristiche organolettiche e soprattutto un sapore eccellente.
L’Antiquo ha la seguente lavorazione: il primo periodo, all’incirca 12 mesi, lo passa all’interno di una botte in acciaio, mentre restanti 12-14 mesi li passa all’interno di una barrique francese di terza generazione, ossia l’azienda, ogni 3 anni, compra nuove barrique.
La gradazione del vino è di 13,5-14 gradi ed h un sapore inconfondibile in quanto il gusto è rotondo con degli aromi di ciliegia.

Infine la cantina “Colline del Cesanese” ha deciso di innovare la produzione, mettendo sul mercato una bottiglia di riserva, chiamata “Opus Vinea”.
La produzione della riserva è stata voluta fortemente dal sig. Franco Caporilli, il quale ha cercato di innovare la produzione “classica” del vino cesanese.
L’esperimento è riuscito in maniera egregia: vino di ottima fattura, gusto rotondo, completato da un piacevolissimo aroma di frutti di bosco.
La lavorazione segue rigorosamente il disciplinare della riserva doc del vino cesanese: 12 mesi in acciaio, 16-18 mesi in barrique francese di terza generazione, infine 6 mesi all’interno della bottiglia per completare la raffinazione.
La gradazione è di 14-14,5 gradi.