Dieta del supermetabolismo: dimagrire mangiando | menù di esempio

https://www.lacicala.org/immagini_news/11-06-2019/dieta-del-supermetabolismo-dimagrire-mangiando--menu-di-esempio-600.jpg
10/06/2019   11:39

La dieta del supermetabolismo è frutto del lavoro della nutrizionista statunitense Haylie Pomroy, la quale promette di far dimagrire in fretta e soprattutto senza grossi sacrifici a tavola.
La Pomroy annovera tra i suoi clienti le più esigenti star di Hollywood e finora non ha disatteso le loro aspettative.

Ma come è possibile perdere peso mangiando? Semplice – assicura la nutrizionista – basta fare leva sui meccanismi ormonali che regolano il metabolismo, e ciò lo si fa con una dieta che potremmo definire dissociata, basata sulla rotazione di alcuni nutrienti in grado, secondo la dottoressa, di stimolare o inibire la produzione di alcuni ormoni a livello tiroideo e surrenale che sono implicati nell’accumulo di grasso corporeo.

La dieta si divide in 3 fasi e dura 4 settimane, ed essendo basata sulla privazione temporanea di alcuni nutrienti il consiglio è quello di non protrarla a lungo e di consultare un medico o un nutrizionista prima di affrontare questo regime alimentare molto particolare.
Ad ogni fase corrisponde un macronutriente e deve essere associata a un tipo specifico di attività fisica.

La prima fase dura due giorni e consiste in un menù ricco di carboidrati (cereali integrali, frutta e verdura), in grado di ridurre il cortisolo (il cosiddetto ormone dello stress). In questa fase occorre fare attività fisica di tipo aerobico (corsa, camminate, bicicletta).

La seconda fase (altri due giorni) si basa sull’apporto di proteine, limitando carboidrati e grassi. Questo indurrà il nostro metabolismo a bruciare i grassi accumulati. L’attività fisica è di tipo anaerobico (sala pesi, crossfit).

La terza ed ultima fase (3 giorni) vede l’introduzione nell’alimentazione dei nutrienti finora limitati, anche dei cosiddetti “grassi buoni” ovvero gli acidi grassi polinsaturi in grado di ridurre il colesterolo. L'attività fisica consigliata è quella anti-stress come lo yoga o il tai-chi.

Vediamo allora un menù di esempio:

Giorni 1 & 2
Colazione: Yogurt magro con cereali integrali
Spuntini: frutta fresca, centrifuga di verdure crude
Pranzo: Riso integrale con tonno oppure cous cous con straccetti di pollo e verdure
Cena: Pesce bianco ai ferri e insalata di farro con verdure oppure crema di zucca ed arista di maiale

Giorni 3 & 4
Colazione: omelette con verdure oppure insalata con fesa di tacchino e arancia
Spuntini: Fesa di tacchino e verdure crude oppure salmone affumicato
Pranzo: braciola di maiale con verdure a foglia larga oppure pesce bianco al forno con verdure
Cena: bistecca di tonno rosso e verdure crude oppure carne bianca alla piastra con verdure

Giorni 5, 6 & 7
Colazione: centrifuga di frutta oppure pane integrale con frutta e spremuta di agrumi oppure omelette di albumi con farina di avena
Spuntini: Frutta fresca oppure frutta secca
Pranzo: crema di zucca con ortaggi oppure zuppa di farro e legumi oppure insalata con salmone affumicato e arancia
Cena: carne bianca con patate lesse oppure riso integrale con gamberi e verdure oppure insalata di farro e pesce bianco ai ferri

Questa dieta non ha trovato approvazione unanime da parte della comunità scientifica poiché non vi sarebbero dati sufficienti a dimostrarne l’efficacia. In ogni caso ribadiamo il consiglio, valido per tutte le nostre diete, di consultare un medico o un nutrizionista prima di modificare le proprie abitudini alimentari.