Dieta Scarsdale per dimagrire velocemente | menù giornaliero

https://www.lacicala.org/immagini_news/21-06-2019/dieta-scarsdale-per-dimagrire-velocemente--menu-giornaliero-600.jpg
19/06/2019   18:53

La dieta Scarsdale è una dieta lampo che promette di far dimagrire velocemente fino a 10 kg in due settimane.
Si può classificare come un regime alimentare iperproteico, e quindi esposto al rischio di recupero dei kg persi se non si segue, successivamente, una dieta di mantenimento che consolidi il dimagrimento ottenuto.

La dieta Scansdale si basa sulla drastica riduzione dei carboidrati, sulla completa eliminazione di zuccheri e grassi, e quindi su un’alimentazione che predilige come fonte energetica le proteine.
Per questo motivo è una dieta che può presentare controindicazioni, in quanto mette a dura prova fegato e reni, ed è quindi necessario consultare un medico o un nutrizionista prima di intraprendere un menù così sbilanciato e restrittivo.

Vediamo cosa si mangia nella prima fase della dieta Scandale (menù per due settimane):

Colazione per tutti i giorni: the o caffè senza zucchero (consentiti i dolcificanti), pane integrale e mezzo pompelmo

Lunedì
Pranzo: insalata con pomodori e petto di pollo alla piastra tagliato a listarelle
Cena: pesce bianco ai ferri condito con succo di limone, una fetta di pane integrale, un pompelmo.

Martedì
Pranzo: frutta mista, caffè senza zucchero
Cena: hamburger di manzo, verdure miste cotte

Mercoledì
Pranzo: insalata con tonno al naturale, un frutto
Cena: carne di agnello alla piastra, insalata mista

Giovedì
Pranzo: due uova sode, formaggi magri misti, zucchine o fagiolini lessi, una fetta di pane integrale
Cena: carne bianca alla piastra, verdura a foglia larga cotta o peperoni

Venerdì
Pranzo: formaggi magri misti, verdura a foglia larga cotta, una fetta di pane integrale
Cena: pesce bianco ai ferri, verdure miste, una fetta di pane integrale.

Sabato
Pranzo: frutta mista, un caffè senza zucchero
Cena: carne bianca alla piastra, pomodori, un pompelmo.

Domenica
Pranzo: carne bianca alla piastra, ortaggi cotti, un pompelmo
Cena: bistecca di manzo ai ferri, insalata con pomodori.

Alla fine delle due settimane occorrerà seguire la dieta di mantenimento per altrettanto tempo, onde evitare di riprende altrettanto velocemente i kg persi nella prima fase.

Ecco il menù della seconda fase:

Lunedì
Colazione: latte parzialmente scremato, una fetta di pane integrale, un’arancia
Pranzo: carne bianca alla piastra verdure alla griglia
Cena: 3 uova sode, tonno al naturale e verdure miste cotte

Martedì
Colazione: un frutto, due fette biscottate con marmellata senza zuccheri aggiunti, uno yogurt e un caffè senza zucchero
Pranzo: insalata mista con tonno, fagiolini e pomodori
Cena: pesce bianco al forno, verdure miste cotte, una fetta di pane integrale

Mercoledì
Colazione: latte parzialmente scremato con cereali integrali, uno yogurt e un caffè senza zucchero
Pranzo: formaggi magri misti, spinaci al vapore con un cucchiaino di olio EVO a crudo, una fetta di pane integrale
Cena: pesce bianco ai ferri, peperoni e zucchine, una fetta di pane integrale

Giovedì
Colazione: un frutto, due fette biscottate con marmellata senza zuccheri aggiunti, uno yogurt e un caffè senza zucchero
Pranzo: carne bianca alla piastra, insalata con radicchio
Cena: mozzarella o formaggi magri, verdure miste cotte, una fetta di pane

Venerdì
Colazione: latte parzialmente scremato, una fetta di pane integrale e due kiwi
Pranzo: Carne rossa alla piastra, zucca al forno
Cena: un panino integrale prosciutto crudo e formaggio, verdure crude

Sabato
Colazione: un frutto, due fette biscottate con marmellata senza zuccheri aggiunti, uno yogurt e un caffè senza zucchero
Pranzo: tofu cotto e cipolle al forno
Cena: carne bianca alla piastra, insalata di carote e una fetta di pane integrale

Domenica
Colazione: latte parzialmente scremato, una fetta di pane integrale e una porzione di ananas
Pranzo: cante bianca alla griglia, insalata mista
Cena: pesce bianco o crostacei, verdure miste cotte e una fetta di pane integrale.

Ricordiamo ancora una volta, come per tutte le nostre diete, che è consigliato ascoltare il parere del proprio medico o nutrizionista prima di modificare le proprie abitudini alimentari.