Dall’Auriga ai Pesci, a Rocca di Cave si può osservare il cielo

09/11/2017   14:16

È un sabato diverso dal solito il prossimo a Rocca di Cave. Qui si potrà ripercorrere il tempo all’indietro di mille anni, andando alla scoperta dei fossili. Poi, la sera,  dalla rocca si potranno guardare le stelle in un suggestivo appuntamento con l’astronomia. Straordinarie e magnifiche, le costellazioni ci sovrastano. Perciò, sotto la guida di un esperto, Rocca di Cave, Sabato 11 novembre, offrirà un punto di vista privilegiato.
“Dall’Auriga ai Pesci, costellazioni d’autunno e pianeti remoti prevede una conferenza introduttiva, seguita dall’osservazione del cielo, prima a occhio nudo, poi attraverso il telescopio.
L’evento è organizzato dall’Università Roma Tre in collaborazione col Gruppo Astrofili Hipparcos.
L’appuntamento con le stelle è aperto a tutti (senza prenotazione) al Museo Geopaleontologico Ardito Desio ed è adatto a tutte le età. La serata con le stelle inizierà alle 18.30. Il costo del biglietto del museo invece è di 8 euro. Inoltre, chi vorrà potrà partecipare, alle 15.


30, anche ad un’escursione geopaleontologica alla scogliera di Rocca di Cave dove situati i reperti fossili risalenti a cento milioni di anni fa.
Per poter prendere parte all’escursione occorre prenotarsi preventivamente a:info@hipparcos.gmail.com.
La bellezza del cielo notturno ha conquistato tutti almeno una volta nella vita.
Le stelle hanno la straordinarietà di formare costellazioni che il nostro occhio guarda come se questi corpi luminosi dessero vita ad altre forme, a creature mitologiche, ad animali. L?Unione Astronomica internazionale ha classificato 88 costellazioni visibili, 37 nel cielo del Nord e 51 nel cielo del Sud. Prima dell’invenzione della bussola le costellazioni hanno guidato i navigatori, ma solo negli ultimi 300 anni l’astronomia ha dato loro un ordine e una collocazione.
Le costellazioni autunnali sono incantevoli, dall’Auriga ai pesci.

Rocca di Cave si può raggiungere, in autobus, partendo dal capolinea di Anagnina (Roma); in auto, prendendo l’autostrada Roma-Napoli, uscendo a San Cesareo e proseguendo sulla strada 155 per Palestrina. 

.