Genzano: al via il protocollo d'intesa contro la violenza di genere

11/03/2018   19:01

Anche il Comune di Genzano questa mattina ha ratificato il protocollo operativo per il contrasto alla violenza di genere e sui minori. Il protocollo è stato stipulato tra la Procura della Repubblica di Velletri, il Tribunale di Velletri, l’Azienda Sanitaria Locale Roma 6, la Procura della Repubblica presso il Tribunale dei Minori di Roma, le Forze dell’Ordine, l’Ufficio Scolastico Territoriale e i Comuni operanti sul territorio che ricade sotto la giurisdizione della Procura della Repubblica di Velletri: Albano, Anzio, Ardea, Ariccia, Artena, Carpineto Romano, Castel Gandolfo, Ciampino, Colleferro, Colonna, Frascati, Gavignano, Genzano di Roma, Gorga, Grottaferrata, Labico, Lanuvio, Lariano, Marino, Montecompatri, Montelanico, Monteporzio Catone, Nemi, Nettuno, Pomezia, Rocca di Papa, Rocca Priora, Segni, Valmontone, Velletri.

Il protocollo d'intesa per la promozione di azioni e politiche attive finalizzate alla prevenzione e al contrasto del fenomeno della violenza contro le donne e i minori e alla realizzazione di una rete di accoglienza, ascolto, protezione delle vittime di violenza di genere e di quelle in condizioni di particolare vulnerabilità si propone di potenziare le forme di sostegno e di assistenza delle donne vittime di violenza e dei loro figli mediante un approccio integrato. Tale provvedimento nasce dall'esigenza di adottare misure volte sia ad inasprire il trattamento punitivo nei confronti dell'autore delle condotte criminose, sia ad introdurre misure di protezione nei confronti delle donne e di prevenzione di ogni forma di violenza di genere, così come previsto dalla Convenzione di Instanbul. Il protocollo prevede inoltre l’istituzione di un tavolo tecnico interistituzionale per la verifica delle attività svolte e dei risultati conseguiti e di una cabina di regia per il monitoraggio e la programmazione delle iniziative adottate.

“Abbiamo aderito al protocollo con estrema convinzione, perché grazie alla collaborazione con tutti gli attori coinvolti, dalle forze politiche agli operatori sanitari, sarà possibile mettere in campo una serie di azioni congiunte volte alla sensibilizzazione, alla prevenzione e al contrasto del fenomeno – ha commentato il sindaco Daniele Lorenzon –. Parlare di violenza di genere ha ancora più valore oggi, 8 marzo, che si festeggia la festa della donna, perché sono ancora troppi gli episodi di discriminazione che non possiamo più accettare”.