Tivoli, nel centro storico si respira amianto

04/11/2017   10:19

Le bellezze storiche al centro di Tivoli sono avvelenate.
Dopo il crollo parziale dell’ex cartiera Amicucci nel 2009, l’area restò per lo più dimenticata.
Il Mibact, intanto, di recente ha stanziato dei fondi per la valorizzazione del centro storico di Tivoli. Di questo piano fa parte anche il recupero dell’ex Cartiera, da trasformare in un parcheggio multipiano ultramoderno.
Nel frattempo, si scava, allora si scovano i problemi. O meglio: l’amianto. Perciò stanno per essere avviati lavori per la rimozione del materiale cancerogeno e per la bonifica dell’area. Nei pressi di Piazza Tani, proprio nel centro storico, esiste questa struttura di proprietà del Comune che deve essere messa in sicurezza, prima di tutto, perché una parete del complesso è praticamente franata. Macerie e polveri si trovano oggi a cielo aperto.
I lavori di bonifica partiranno lunedì 6 novembre e dureranno 45 giorni.
Per realizzarli il Comune di Tivoli spenderà 95 mila euro.
Terminati questi lavori,  si potrà finalmente avviare il progetto definitivo, già appaltato, di messa in sicurezza. E solo in seguito, nella zona dell’ex cartiera Amicucci si potrà costruire l’autosilo.
Quello che partirà sarà il più grande piano di bonifica che interessa Tivoli.
Le amministrazioni hanno già provveduto ad avviare lavori tecnici per la caratterizzazione dei detriti.
In questo modo è venuto fuori che la quantità d’amianto presente nella zona è pari a 23 tonnellate.

I lavori di bonifica termineranno tra la fine di quest’anno e l’inizio del 2018. «Appena terminata la bonifica – dichiarano il Consigliere del Sindaco per il centro storico Gabriele Terralavoro e l’Assessore all’Ambiente Maria Ioannilli – sarà finalmente completata la messa in sicurezza della struttura. Sia con questi interventi sia con il programma finanziato dal ministero dei beni culturali, che comprende la realizzazione di un auditorium e di un parcheggio in una parte della ex cartiera Amicucci, manteniamo gli impegni presi con la città per il rilancio e la rinascita del centro storico».